Spino d'Adda, addio a Garnieri

E' morto Giovanni Garnieri, primo presidente della Spinese Oratorio. Leggi cliccando qui

Gallignano, tetto a fuoco

Intervento dei vigili del fuoco di Orzinuovi e di Crema per spegnere le fiamme che hanno interessato parte del tetto di una villetta in via Fiorani. Leggi cliccando qui

Volley, passa la Chromavis

Vittoria al quinto set per la Chromavis Eco Db contro Orocash Lecco, ma due punti non bastano perché dietro vincono tutte e sorpassano. Leggi cliccando qui

Tennis, il Tc Crema ancora in Serie A

Con un doppio 4-2 in suo favore e contro il Tc Prato, il Tc Crema resta in serie a per l'undicesimo anno consecutivo. Leggi com'è andata l'ultima sfida cliccando qui

Calcio, pari per il Crema

Il Crema agguanta il pari negli ultimi minuti (rete all'84' di Brero) dopo essere stato a lungo sotto di una rete contro il Carpi, sceso al Voltini per fare risultato.

Calcio, Pergo sconfitto

Una rete per tempo affonda la Pergolettese e permette al Vicenza di incassare tre punti che la portano in vetta alla classifica. Leggi la cronaca della partita cliccando qui

Crema, Asst alla Corte dei conti

I grillini presentano un esposto alla Corte dei conti per la vicenda del magazzino farmaceutico, con 400mila euro spesi, a quanto pare, inutilmente. Leggi cliccando qui

Basket, Logiman espugna Vicenza

Punti preziosi per la Logiman che interrompe la serie negativa ed espugna Vicenza. Leggi come è andata cliccando qui

Castelleone, il comune ti aiuta

Il comune mette a disposizione 16.800 euro da destinare all'aiuto per le famiglie in difficoltà nel pagare le bollette di luce e gas. Leggi come si fa cliccando qui

Spino d'Adda, rito dell'ammissione

L'8 dicembre nel Duomo di Lodi ci sarà il rito dell'ammissione per Ettore Fumagalli, primo passo verso il sacerdozio. Leggi cliccando qui

Capralba, mostra di trenini

Mostra di trenini nell'oratorio di Capralba, davvero spettacolare e da non perdere. Leggi cliccando qui

Rivolta d'Adda, rivoltane dell'anno

Sono le suore adoratrici le rivoltane dell'anno. La benemerenza consegnata dal sindaco con una suggestiva cerimonia. Leggi cliccando qui

Crema, servizi sociali in affanno

Manca il dirigente ai servizi sociali e Simone Beretta presenta una interrogazione in consiglio comunale per chiedere le ragioni della scelta della persona che arriverà. Leggi cliccando qui

Crema, vaccini senza appuntamento

Due giorni di vaccinazioni senza appuntamenti. Leggi quando e dove presentarsi cliccando qui

Crema, intervento dall'alto

Vigili del fuoco in soccorso di una mamma che era rimasta chiusa in bagno e di una bambina in casa da sola. Leggi come hanno risolto la situazione cliccando qui

Crema, nuovo servizio

La Fondazione benefattori cremaschi ha messo i funzione un punto di accoglienza per informare e intervenire in merito alle esigenze degli anziani. Leggi cliccando qui

Pianengo, comincia la festa

Tre settimane di feste da S. Lucia a Natale per Pianengo. Leggi il calendario cliccando qui

Volley, un punto per l'Enercom Fimi

Un punto per l'Enercom Fimi che in casa della capolista ha provato a vincere. Leggi come è andata cliccando qui

Crema, albero e coro

Albero acceso e coro che canta. E' qui la festa per il prossimo Natale. In piazza del Duomo tanti cremaschi con l'ombrello per l'accensione dell'albero. leggi e guarda il video cliccando qui

Cremona, otto giovani nei guai

Cinque minori e un maggiorenne in carcere, altri due agli arresti domiciliari. Finiscono così pestaggio e rapina ai danni di due ragazzi indiani. Leggi com'è andata cliccando qui

Prepariamoci a ricevere i veri doni del Natale

Crema News - Diamoci una mossa!

Cremasco, 4 dicembre 2022

Domenica di avvento A  

 La Parola: ​Is 11,1-10  Sal 71  Rm 15,4-9 Mt 3,1-12:

Dal Vangelo secondo Matteo ​​Mt 3,1-12

In quei giorni, venne Giovanni il Battista e predicava nel deserto della Giudea dicendo: «Convertitevi, perché il regno dei cieli è vicino!». Egli infatti è colui del quale aveva parlato il profeta Isaìa quando disse: «Voce di uno che grida nel deserto: Preparate la via del Signore, raddrizzate i suoi sentieri!». E lui, Giovanni, portava un vestito di peli di cammello e una cintura di pelle attorno ai fianchi; il suo cibo erano cavallette e miele selvatico. Allora Gerusalemme, tutta la Giudea e tutta la zona lungo il Giordano accorrevano a lui e si facevano battezzare da lui nel fiume Giordano, confessando i loro peccati. Vedendo molti farisei e sadducei venire al suo battesimo, disse loro: «Razza di vipere! Chi vi ha fatto credere di poter sfuggire all'ira imminente? Fate dunque un frutto degno della conversione, e non crediate di poter dire dentro di voi: "Abbiamo Abramo per padre!". Perché io vi dico che da queste pietre Dio può suscitare figli ad Abramo. Già la scure è posta alla radice degli alberi; perciò ogni albero che non dà buon frutto viene tagliato e gettato nel fuoco. Io vi battezzo nell'acqua per la conversione; ma colui che viene dopo di me è più forte di me e io non sono degno di portargli i sandali; egli vi battezzerà in Spirito Santo e fuoco. Tiene in mano la pala e pulirà la sua aia e raccoglierà il suo frumento nel granaio, ma brucerà la paglia con un fuoco inestinguibile».

Parola del Signore.

 

(Don Natale Grassi Scalvini) Questa settimana, per iniziare bene il cammino di preparazione al Natale, abbiamo predicato gli esercizi al popolo. Un bel momento di preghiera e riflessione che però è stato seguito solo da circa una ventina di persone, dei circa 3800 abitanti del paese, compresi anche gli extracomunitari, visto che anche loro festeggiano il Natale. Già a livello di percentuale, di cui vi risparmio la fatica del calcolo, dicendovi che è circa dello 0,6%, non c’è da vantarsi. Apprendere poi dal vangelo che invece per ascoltare Giovanni il Battista e farsi battezzare da lui si muove Gerusalemme, tutta la Giudea e tutti quelli della zona, ci fa sentire davvero un po’ piccoli e inadeguati ad accogliere il grande annuncio. Forse per preparare il Natale basta proprio poco e va bene anche così, ma se vogliamo prepararci a vivere un Santo Natale Cristiano penso che dobbiamo darci tutti una scossa.Posso anche concordare con chi è pronto a scusarsi dicendo che l’orario, il modo, il tema e il predicatore non erano molto adatti per attirare le folle, e che certamente Giovanni il Battista aveva un carisma unico e particolare, però ciò non toglie nulla alla necessità e all’urgenza di trovare subito un modo, se non comunitario almeno strettamente personale, per essere pronti anche quest’anno ad accogliere l’annuncio della salvezza e la presenza del Signore in mezzo a noi, anche nella figura così umile e nascosta di un neonato. 

È pur vero che anche l’asino e il bue, immancabili nei nostri presepi, han partecipato a loro modo all’evento, ma non credo che sia adatto a noi umani l’accontentarci di imitare questi due animali, che conosco bene e vi assicuro son molto più nobili e intelligenti di quanto dica la loro fama superficiale. Quindi lasciamoci scuotere anche noi dalla parola forte del Battista, non tanto per sfuggire all’ira imminente e al colpo radicale della scure destinato a rendere legna secca da ardere quelle piante che non portano frutto. In fondo non ci meritiamo le offese di Giovanni, noi non siamo una razza di vipere, un po’ di fede in Dio l’abbiamo e ogni giorno cerchiamo anche di vivere secondo la sua volontà. Ma evidentemente le distrazioni e gli impegni della nostra vita, che noi riteniamo sempre così importanti e decisivi, non sono l’unica realtà a cui pensare. Dobbiamo avere il coraggio di trovare un po’ di tempo e buona volontà anche per ascoltare la parola di Gesù e prepararci davvero a trovargli un posto nel nostro tempo e spazio, perché lo trasformi e ci renda persone migliori, e non solo più buone per un giorno o due. 

Da una parte siamo anche fortunati, poiché non siamo poi così lontani da Gesù e soprattutto lui stesso e il suo regno ci sono vicini. Probabilmente le belle tradizioni che ci permettono di avere tanti segni esterni che ci ricordano la straordinaria grandezza degli eventi del Natale, sono da sfruttare in pieno, non per lasciarci distrarre dalle lucine e dagli addobbi, ma piuttosto perché ci aiutino a entrare in pienezza nel ritmo cosmico della incarnazione, la nascita unica e irripetibile del Figlio di Dio in una carne umana.


Nella foto, don Natale e il vescovo Daniele


© Riproduzione riservata



03/12 - CREMA - Il cammino di fede del vescovo di Molfetta Leggi l'articolo

02/12 - Bangkok - Incontro con Giulia Riboli, volontaria Leggi l'articolo

01/12 - CREMA - Psicologi a scuola per spiegare i rischi Leggi l'articolo

01/12 - REGIONE - Successo della colletta del Banco alimentare Leggi l'articolo

28/11 - CREMA - Albodoorpiù, il futuro vincente, adesso Leggi l'articolo

27/11 - CREMASCO - Vegliate, perché non sappiamo quando saremo chiamati Leggi l'articolo

25/11 - CREMA - Un premio per gli studenti registrati al Bus2school Leggi l'articolo

23/11 - OFFANENGO - Più presenti nel mercato asiatico Leggi l'articolo

22/11 - CREMA - L'Ats promuove l'attività motoria Leggi l'articolo

21/11 - REGIONE - Campagna della regione Lombardia Leggi l'articolo

20/11 - CREMASCO - In realtà Gesù è sempre con noi Leggi l'articolo

19/11 - CREMA - Obiettivi troppo alti e stringenti Leggi l'articolo

18/11 - CREMA - Una messa in sua memoria dagli scout adulti Leggi l'articolo

17/11 - CREMA - Anche nella nostra zona Leggi l'articolo

16/11 - CREMA - Regali confezionati dall'associazione, per sostenerla Leggi l'articolo